A Bologna arriva la “ragazza con l’orecchino di perla” di Vermeer: E’ record!

| Posted by | Categories: Arte, Eventi artistici, Mostre, Notizie d'arte

Complice “La ragazza con l’orecchino di perla”, quella bolognese si preannuncia già come una mostra record. Sono infatti da record le prenotazioni per la mostra che per la prima volta porterà in Italia il capolavoro-icona di Vermeer, che sarà a Bologna dall’8 febbraio al 25 maggio a Palazzo Fava.

A tre mesi dall’inizio della rassegna, nel primo giorno di apertura delle prenotazioni, ai call center sono arrivate in solo otto ore ben 15.000 richieste, «un fatto mai accaduto prima», dice Marco Goldin, patron di Linea d’ombra che produce l’atteso evento espositivo.

«Pur conoscendo le potenzialità di una mostra come questa – prosegue Goldin – e pur provenendo da tante mostre di straordinario successo organizzate da Linea d’ombra, sono sbalordito davanti a un tale impeto, e impatto, dell’entusiasmo della gente».

La mostra è stata promossa in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, Genus Bononiae (main sponsor il Gruppo Segafredo Zanetti) e dal museo Mauritshuis dell’Aia, dove il celebre dipinto di Vermeer è costudito.

In occasione di un radicale intervento di ristrutturazione della sede del museo olandese, «La ragazza con l’orecchino di perla» ha compiuto una sorta di tournée in prestigiose istituzioni museali in Giappone e negli Stati Uniti (attualmente è in mostra a New York, alla Frick Collection), durante la quale ha richiamato due milioni di visitatori. Prima di rientrare all’Aia, il ritratto sarà quindi esposto a Bologna, unica tappa non solo italiana, ma anche europea.

«Non posso che dirmi felicissimo per un tale risultato – ha aggiunto Goldin, curatore della rassegna con la direttrice del Mauritshuis, Emilie Gordenker – e voglio ricordare come la mostra bolognese non sia solo l’esposizione di un dipinto icona, ma apra anche una preziosa finestra sulla Golden Age olandese, con tanti altri dipinti straordinari che si vedranno a Palazzo Fava».

Ad affiancare il meraviglioso capolavoro di Vermeer, che ha ispirato libri e film, ci saranno in tutto 36 opere capitali, realizzate dal genio olandese, ma anche da Rembrandt, Hals e dagli altri maestri della pittura olandese del ‘600.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…